Economia e Lavoro

Un nuovo contratto per i dipendenti della sanità pubblica

Gli oltre 3500 dipendenti della sanità pubblica in provincia di Alessandria hanno un nuovo CCNL. Bullara, Cisl FP: "Si tratta indubbiamente di un buon rinnovo che è riuscito ad assicurare ai dipendenti della sanità un significativo miglioramento delle condizioni economiche e normative"

ECONOMIA E LAVORO - Dopo quasi 9 anni di attesa e di blocco dei rinnovi contrattuali, gli oltre 3500 dipendenti della sanità pubblica in provincia di Alessandria hanno un nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.

Anche per loro, come per i dipendenti pubblici degli altri comparti, l’aumento medio a regime è stato di € 85 lordi, così come previsto dall’accordo del 30 novembre 2016.

"Si tratta di un contratto che potremmo definire “in due tempi”, spiega Salvatore Bullara, Commissario CISL Funzione Pubblica Alessandria Asti. 

Nel “primo tempo” (il nuovo testo firmato venerdì 23 febbraio) sono stati affrontati e aggiornati molti istituti contrattuali già presenti in passato e ne sono stati creati altri nuovi.

Ecco un breve riassunto dei punti salienti:
  • il riconoscimento formale dei tempi di vestizione e consegna, fermo restando la salvaguardia degli accordi aziendali eventualmente migliorativi;
  • la conferma e la valorizzazione dell’incarico di coordinamento in ambito sanitario;
  • la partecipazione degli operatori socio-sanitari al sistema di remunerazione indennitario;
  • la possibilità di aumentare le indennità nell’ambito della contrattazione integrativa aziendale;
  • l’uso flessibile dei fondi e la permeabilità delle risorse;
  • il contenimento delle deroghe all’art. 7 del D. Lgs. 66/2003, in materia di riposo giornaliero, circoscritte ai soli casi di partecipazione alle riunioni di reparto e alle iniziative di formazione obbligatoria;
  • la previsione di assenze per patologie gravi richiedenti terapie salvavita;
  • la fruizione di permessi su base giornaliera o ad ore, per visite, terapie e prestazioni specialistiche assimilate alle assenze per malattia;

Funzione Pubblica
  • la possibilità di indennizzare le ferie maturate e non godute in specifici casi di cessazione dal servizio;
  • la previsione dell’istituto delle ferie solidali, sospensione delle ferie in caso di lutto, fruizione dei permessi retribuiti ad ore;
  • particolari tutele riservate alle donne vittime di violenza, quali il diritto ad astenersi dal lavoro per la partecipazione ai percorsi di protezione relativi alla violenza di genere, con diritto alla retribuzione.
  • nuovi istituti partecipativi nell’ambito delle relazioni sindacali quali il confronto e l’organismo paritetico per l’innovazione.
Nel “secondo tempo” una commissione paritetica nazionale entro luglio dovrà svolgere diversi compiti, tra cui:
  • la possibilità di articolazione e semplificazione di categorie, livelli economici e fasce nelle quali è distribuito il personale;
  • i criteri di progressione economica all’interno delle categorie;
  • la revisione della classificazione professionale, anche al fine renderla più aderente alla previsione dell’area delle professioni socio-sanitarie prevista dall’art.5 della legge 3/2018;
"Si tratta indubbiamente di un buon rinnovo - aggiunge Bullara CISL FP - che pur rispettando i limiti dovuti al dettato della sentenza della Corte Costituzionale 178/2015, è riuscito ad assicurare ai dipendenti della sanità un significativo miglioramento delle condizioni economiche e normative".
25/02/2018







blog comments powered by Disqus


Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Penigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"

Ordigno nel Po: domenica 20 la disattivazione

Cronaca | Interverranno gli artificieri dell'Esercito. Confermata la necessità di evacuare una zona di 600/700 metri intorno ai luoghi di rinvenimento e di disattivazione e di ordinare il riparo al chiuso e il divieto di accesso e circolazione in un’ulteriore zona compresa entro il raggio di 1.800 metri

Il Decreto Sicurezza "spacca" gli Enti Locali: la Regione pensa al ricorso, i Comuni si dividono

Sicurezza | La legge voluta dal ministro Salvini mostra i primi effetti, producendo schieramenti fra favorevoli e contrari. I sindaci dei centri zona si dichiarano tutti pronti ad applicare la normativa, ma c'è chi lotta per volerla cambiare.

“La tua idea d’impresa”: workshop sul business plan per gli studenti degli istituti superiori in gara

Scuola | Gli studenti elaboreranno e presenteranno progetti d’impresa innovativi, che saranno pubblicati e poi votati on line sulla piattaforma www.latuaideadimpresa.it. L'evento si concluderà ad aprile

Confagricoltura, associati chiamati al voto alle assemblee di zona

Economia e lavoro | Il presidente provinciale Luca Brondelli di Brondello: "Nei centri zona ci si confronterà sull’annata appena trascorsa e su quella appena iniziata, approfondendo argomenti di carattere sindacale, tecnico ed economico"