Valenza

Oro etico per la gioielleria. Valenza si adegua al mercato

Uno studio CNA Orafi evidenzia alcuni punti per valorizzare il settore. Tra cui garantire che dalla miniera alle mani dell'artigiano, l'oro non sia 'insanguinato' da sfruttamenti. La maggioranza della clientela sarebbe attenta all'etica dei prodotti

 VALENZA – Non solo cibo, vestiti, produzioni tecnologiche: il prodotto etico arriva anche nel mondo della gioielleria, quindi dell’oro valenzano. È un’assoluta novità che probabilmente non farà piacere a tutti, ma secondo ‘Gold’ di CNA, il progetto per dare maggior visibilità al settore, tra i possibili campi su cui migliorare c’è appunto l’etica del prodotto finito.

“Per eticità qui si deve intendere una richiesta di maggiore trasparenza e tracciabilità della produzione orafa fin dall’origine della materia prima per arrivare alle diverse fasi di lavorazione e di distribuzione”, spiega Arduino Zappaterra, CNA Orafi.

Alcuni grandi gruppo del lusso hanno già virato in questa direzione, impegnandosi pubblicamente a rivedere le proprie catene della distribuzione delle materie prime. Le miniere d’oro non devono sfruttare i lavoratori – per esempio – e il lavoro artigianale, che per le sue caratteristiche ha un basso impatto ambientale, deve rientrare il parametri internazionali. Secondo alcune ricerche a livello internazionale, il 66% dei consumatori cerca attivamente questi valori nei brand che acquista. Insomma, anche a Valenza si sta diffondendo l’idea dell’oro etico, anche se per ora se ne parla nei ‘focus group’, simposi e nei grandi tavoli. La realtà commerciale potrebbe essere ben diversa, insomma.

Ad ogni modo il progetto Gold si focalizza sua altri aspetti, uno non nuovo: l’internazionalizzazione. Le aziende orafe sono già avviate su questo fronte, basti pensare che l’export valenzana è la maggior voce economica della provincia di Alessandria. Oltre alle iniziative in ambito fieristico sono da segnalare gli importanti accordi siglati con operatori di e-commerce sia in Europa che in Cina come ad esempio la partnership con Ynap (yoox) e Alibaba (Tmall, Tglobal ,Italian pavillion).

Parallelamente si deve sviluppare il alto della formazione, pre e post diploma. Anche in questo caso la città dell’oro si è spesa abbastanza, anche se artigiani orafi se ne trovano sempre meno.

Il progetto Gold sarà utilizzato dalla CNA per promuovere un approfondito confronto con le altre Associazioni di categoria e tutti gli interlocutori di settore interessati a misurarsi su questioni così importanti
per il futuro del settore orafo, compreso il Ministero dello Sviluppo Economico.
 
15/04/2019







blog comments powered by Disqus


L'arte orafa in mostra all'Outlet, Megazzini spiega come nasce un gioiello

Serravalle Scrivia | All'Outlet di Serravalle Scrivia apre l'esposizione dedicata ai gioielli di Valenza: Massimo Megazzini incontrerà il pubblico per illustrare il percorso di realizzazione, dal bozzetto al prodotto finito

I dieci anni del progetto Pass fotografano come è cambiata la sessualità degli adolescenti

Società | Asl di Alessandria e scuole della provincia rinnovano per il decimo anno il progetto di prevenzione andrologica per i giovani in età scolare che, dal prossimo anno, coinvolgeranno alle le classi terze: “si abbassa l'età in cui i giovani hanno rapporti sessuali, la prevenzione è sempre più importante”. Coinvolte anche le farmacie per la raccolta di dati attraverso questionari elaborati insieme all'Università di Torino

Anziano parroco truffato? In sei sotto accusa

Cronaca | Secondo l'accusa l'anziano parroco di Valenza avrebbe dato tramite assegni aiuti ad una donna in difficoltà. Dopo il primo “contributo” il parroco avrebbe subito richieste sempre più pressanti: “paga o raccontiamo che hai picchiato la donna”

Promozione: Cbs corsaro a Gavi, l'Acqui cala il poker, cadono Arquatese e ValeMado

Promozione - girone D | In Promozione tra le alessandrine vince solo l'Acqui, male Gaviese, Arquatese e ValenzanaMado

Novità 2019 per la pensione lavoratori precoci

Lavoro | Il requisito contributivo dei 41 anni richiesto per l’accesso alla pensione come precoce, non verrà adeguato agli incrementi per aspettativa di vita ma rimarrà “congelato” fino alla fine dell’anno 2026