Provincia

Poste, rebus sulle assunzioni e stabilizzazioni

In provincia di Alessandria mancano almeno trenta porta lettere, ma l'azienda, dicono i sindacati, non ha intenzione di procedere con nuove assunzioni o di stabilizzare i precari. Cgil, Cisl e Uil chiedono come Poste Italiane intenda garantire gli standard qualitativi del servizio

LAVORO – Mancano circa 30 portalettere in provincia di Alessandria, ma l'azienda sembra non sia intenzionata a procedere con nuove assunzioni o a stabilizzare i precari. A dirlo sono i sindacati Cgil, Cisl e Uil in una nota unitaria in cui chiedono a Poste Italiane come intenda “garantire il servizio, considerato essenziale, a tutta la popolazione”.
E' infatti da poco terminato l'introduzione del nuovo modello, che prevede il recapito della posta a giorni alterni. Ma il numero dei dipendenti è ancora sotto organico. “La copertura lorda si assesta intorno al 98% mentre il nuovo modello organizzativo stabilisce una percentuale lorda del 110%.(cioè il 10% di scorte). Ciononostante, unica provincia in tutto il Piemonte, malgrado l’accordo nazionale sulle Politiche Attive del Lavoro, non sono previste da parte aziendale né trasformazioni da part time a full time per il personale che ha questa tipologia di contratto, né stabilizzazioni a tempo indeterminato del personale assunto negli anni precedenti con contratti a termine”, dicono i sindacati.
In una audizione alla Camera, l'amministratore delegato Matteo Del Fante ha affermato che gli uffici nei piccoli comuni non chiuderanno, poiché si tratta di un servizio essenziale. Ma in molti paesi, agli sportelli è presente un solo addetto, il direttore, mentre manca quasi sempre lo sportellista. In quelli di poco più grandi (Cluster A2, si chiamano tecnicamente) oltre al direttore è presente un impiegato, anziché due. Negli uffici centrali, poi, “il servizio viene garantito solamente attraverso il ricorso allo straordinario, programmato strutturalmente di settimana in settimana. Il personale di sportelleria viene sistematicamente comandato in trasferta e distaccato in sedi di lavoro diverse da quelle di applicazione Ma anche in questo caso non è prevista in provincia alcuna immissione di personale”
In definitiva, i sindacati chiedono “a Poste Italiane quali provvedimenti organizzativi intende adottare e alle istituzioni locali quali iniziative intendano mettere in campo affinchè un servizio, che rimane comunque sociale, venga garantito in termini soddisfacenti da un punto di vista quali qualitativo a tutta la popolazione”.
25/09/2018







blog comments powered by Disqus


Promozione: Acqui in risalita, Arquatese e Valenzana muovono la classifica

Promozione - girone D | Una doppietta di Innocenti lancia i termali nel 3-1 interno con il Mirafiori, l'Arquatese strappa un punto al Cit Turin, la Valenzana ferma la corazzata Pro Villafranca.

A Star is Born

Cinema | Il film, tra i più visti nelle sale italiane negli ultimi giorni, è fondamentalmente un melodramma che, nonostante l’impegno e la bravura dei suoi interpreti, non si discosta dai cliché del genere, un po’ convenzionale sia a livello narrativo che stilistico

Malattia e infortuni delle assistenti familiari

Economia e Lavoro | La malattia e la relativa indennità per i lavoratori domestici è regolata nel Contratto Collettivo di Lavoro Nazionale (CCLN) che, in qualità di dipendenti privati a tutti gli effetti di legge, devono rispettare le regole generali per le visite fiscali e le fasce orarie di reperibilità

Mense: "vogliamo un contratto di 4 ore". Adesione allo sciopero del 30%, eccetto Valenza

Lavoro | Una adesione allo sciopero del 30% circa dei lavoratori tra addetti alla refezione scolastica, operatori del centro cottura e al trasporto dei pasti che non ha fermato il servizio mensa. A Valenza la mancata adesione ha permesso il normale svolgimento del servizio. Sotto palazzo Rosso invece presidio a suon di fischietti e tamburi a rivendicare "4 ore di lavoro" senza le quali si fatica ad arrivare a fine mese....

Giorgio Fico Piazza, masterclass e concerto del bassista di Battisti e De André

Novi Ligure | Domenica 21 ottobre al teatro Giacometti di Novi Ligure, ci sarà la straordinaria opportunità di incontrare Giorgio Fico Piazza (bassista di Pfm, Mina, Battisti e De André): dal mattino si potrà partecipare alla masterclass mentre alla sera si terrà un grande concerto