Politica

Raccolta differenziata: alessandrino fanalino di coda. Si resta sotto il 48%

La giunta regionale ha approvato i dati sulla produzione dei rifiuti urbani e di raccolta differenziata relativi al 2016: i 32 comuni sotto il Consorzio di Bacino alessandrino restano di molto al di sotto dei limiti, soprattutto dopo i nuovi obiettivi dell'ultima legge regionale. Alessandrino fanalino di coda, che resta sotto il 48% di differenziata

 POLITICA - La giunta regionale ha approvato i dati sulla produzione dei rifiuti urbani e di raccolta differenziata relativi al 2016, valido strumento di analisi utile all’attuazione della nuova legge in materia di gestione dei rifiuti urbani, approvata poche settimane fa, e al raggiungimento degli obiettivi prefissati nel Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti urbani. Molte cose sono cambiate con la nuova legge regionale, ma sopratutto molte altre dovranno cambiare se si vorranno evitare le sanzioni previste per quei comuni che non raggiungeranno gli obiettivi prefissati, che vanno ben oltre il raggiungimento dei diversi step di raccolta differenziata fino ad arrivare ad una percentuale per il 2020 tra il 65% e il 70%, come richiesto dalla Comunità Europea già da tempo.

Così i dati raccolti che sono dettagliati per ogni singolo comune e aggregati per ognuno dei 21 Consorzi oggi operativi in Piemonte, danno un quadro della situazione per l'alessandrino, suddiviso tra i 32 comuni che sono sotto il Consorzio di Bacino alessandrino (tra cui Alessandria e Valenza come centri zona), quelli sotto il Consorzio casalese di Rifiuti (C.C.R, che comprende Casale e tutti i paesi della zona del Monferrato) e quelli sotto il Consorzio Servizi Rifiuti del Novese, Tortonese, Acquese e Ovadese (C.S.R.). E' evidente come l'alessandrino sia – insieme al torinese – il fanalino di coda con percentuali di raccolta differenziata e di produzione di rifiuti per abitante ancora lontane dai limiti previsti, a differenza del novarese che fa invece da capofila in senso opposto, con ottimi risultati già in previsione delle percentuali da raggiungere entro il 2020.

I 32 comuni dell'alessandrino restano sotto la soglia percentuale di differenziata del 48% (47,8% per i dati consuntivi 2016) che si alza di pochissimo, cioè al 48,4% se si considera l'intera provincia cioè i 190 comuni complessivi. Anche la produzione totale di spazzatura per abitante è a livelli enormi, sopratutto se oggi paragonata ai nuovi limiti che impone la legge regionale: 530 chilogrammi per abitante, quando il limite è di 455 kg/anno/ab. Idem per i rifiuti indirizzati allo smaltimento e al recupero, questi ultimi sempre espressi in kg-anno per abitante: il limite è di 190 chilogrammi per abitante nel 2018 e di 159 chilogrammi pro-capite entro il 2020, mentre per l'alessandrino si è a quote oltre i 277 kg/anno/ab. [QUI LA TABELLA COMPLETA].
Se si guarda ancor più nello specifico, per i due centri zona maggiori dei comuni all'interno del Consorzio di Bacino alessandrino, ovvero Alessandria e Valenza, i dati della raccolta differenziata sono ancora più allarmanti: Alessandria (sempre nei dati 2016) si attesta ad un 43,5% mentre Valenza al 48,1%. Tra i comuni più virtuosi si devono menzionare Bassignana, Borgoratto, Castelletto Monferrato, Lu, Piovera, Pietra Marazzi e San Salvatore Monferrato che arrivano ad una percentuale del 70% e oltre, considerando che sono tutti paesi con una media di residenti che non supera i 1000 abitanti (fatta eccezione per San Salvatore che arriva a 4000).


“Con questi dati abbiamo il terreno su cui si andrà ad applicare la nuova legge regionale in materia di gestione dei rifiuti urbani - afferma l’assessore all’Ambiente della Regione Piemonte, Alberto Valmaggia - Sono certo che i nuovi strumenti normativi, che orientano il sistema verso la tariffazione puntuale sulla produzione dei rifiuti, con incentivi a chi opera meglio e in conformità ai principi del Piano regionale Rifiuti, con sanzioni ai comuni che, al contrario, registrano dati ancora troppo lontani dai limiti accoglibili, e, in ultimo, con i fondi triennali messi a bando dalla Regione proprio per incentivare la crescita della raccolta differenziata (al momento 9milioni circa, ma che sono destinati ad aumentare), possano orientare le realtà ad oggi meno virtuose verso gli obiettivi che si siamo dati”.

Sarà davvero così anche per Alessandria? Perché la nuova amministrazione di Cuttica di Revigliasco ha bloccato – almeno sul 2018 – l'ampliamento sul territorio comunale della raccolta porta a porta che è quella che meglio consente di alzare il livello (e le percentuali) di differenziata, pur puntando invece a lungo termine ad arrivare ad una “tariffa puntuale” in materia di rifiuti.

Un progetto, quello di estendere la raccolta domiciliare, portato avanti dalla fine del 2016, quando si era deciso e deliberato il ritorno al porta a porta, partendo dalla zona Fraschetta, proprio per riprendere un lento ma deciso cammino verso una maggior responsabilizzazione della comunità alessandrina. “La Regione Piemonte conforta questi processi di cambiamento sostenendo una parte degli investimenti – ricorda Giorgio Abonante esponente del Pd oggi in minoranza e fino a pochi mesi dello scorso anno assessore di Palazzo Rosso sotto la giunta di Rita Rossa - Noi chiediamo al Comune di Alessandria di non rallentare il ritorno al porta a porta e di sfruttare le risorse messe a disposizione dalla Regione. Se il primo termine è stato ignorato (era il 15 dicembre 2017) si può ancora provare entro settembre 2018, ultima chiamata”.
13/01/2018







blog comments powered by Disqus


Fermata la banda dei falsi carabinieri

Cronaca | Quattro arresti, l'ultimo mercoledì scorso, da parte di Carabinieri e Polizia. In manette è finita una banda che si presentava alle vittime come appartenenti all'Arma, esibendo falsi tesserini. L'ultimo arresto è stato fatto a Cesano Boscone, nel milanese

Con La Ballata dei Lenna il corso di teatro per giovani e adulti

Valenza | Al Teatro Sociale dal 23 gennaio gli 8 incontri serali del laboratorio “Where we are?”: gioco di esercizi, improvvisazioni, esplorazioni, incursioni, attraverso cui esercitare la propria creatività e l’attitudine a entrare e uscire dalla scena, per smontarla e costruirla

Ordigno nel Po: domenica 20 la disattivazione

Cronaca | Interverranno gli artificieri dell'Esercito. Confermata la necessità di evacuare una zona di 600/700 metri intorno ai luoghi di rinvenimento e di disattivazione e di ordinare il riparo al chiuso e il divieto di accesso e circolazione in un’ulteriore zona compresa entro il raggio di 1.800 metri

Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Pernigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"

Il Decreto Sicurezza "spacca" gli Enti Locali: la Regione pensa al ricorso, i Comuni si dividono

Sicurezza | La legge voluta dal ministro Salvini mostra i primi effetti, producendo schieramenti fra favorevoli e contrari. I sindaci dei centri zona si dichiarano tutti pronti ad applicare la normativa, ma c'è chi lotta per volerla cambiare.