Economia

Si possono detrarre le spese di istruzione?

Con la riforma della “Buona scuola” nel Modello 730/2018 sono aumentate le spese d’istruzione detraibili. La detrazione del 19% viene incanalata su un doppio binario: da una parte ci sono le spese per l’università, dall’altra quelle per le scuole primarie e secondarie

ECONOMIA - Con la riforma della “Buona scuola” nel Modello 730/2018 le spese d’istruzione saranno detraibili entro una spesa sostenuta pari al massimo a 717,00 euro e non più 564,00 euro come l’anno precedente, inoltre la detrazione del 19% viene incanalata su un doppio binario: da una parte ci sono le spese per l’università, dall’altra quelle per le scuole primarie e secondarie.

La vecchia formulazione (articolo 15, comma 1, lettera “e”) prevedeva la possibilità di detrarre nella misura del 19% le spese sostenute per la “frequenza di corsi di istruzione secondaria, universitaria, di perfezionamento e/o di specializzazione, tenuti presso istituti o università italiane o straniere, pubbliche o private, in misura non superiore a quella stabilita per le tasse e i contributi degli istituti statali italiani”. Ai sensi del comma 2 del medesimo articolo la detrazione spettava (e spetta tutt’ora) anche per gli oneri sostenuti nell’interesse dei familiari fiscalmente a carico.

Ora con la riforma della “Buona scuola” la suddetta lettera “e” viene rinnovata limitando la detraibilità alle sole spese sostenute per i corsi di istruzione universitaria (ad esempio immatricolazione e iscrizione, soprattasse per esami di profitto e laurea, frequenza, corsi di specializzazione) “in misura non superiore a quella stabilita per le tasse e i contributi delle università statali”. Poi, è stata aggiunta l’inedita lettera “e-bis” in cui si dispone l’applicazione della detrazione Irpef del 19% in riferimento alle spese entro un limite massimo innalzato a 717,00 euro dalla Legge di Bilancio 2018 per la frequenza:
  • delle scuole dell’infanzia (ex asili)
  • del primo ciclo di istruzione, cioè delle scuole primarie (ex elementari) e delle scuole di secondarie di primo grado (ex medie)
  • delle scuole secondarie di secondo grado (ex superiori).
In sintesi, la riscrittura della vecchia lettera “e” ha introdotto la nuova lettera “e-bis” che mantiene lo sgravio del 19% sulle spese di iscrizione/frequenza alle scuole secondarie di secondo grado allargandolo contemporaneamente ai livelli di istruzione inferiori: asili, elementari e medie.

Un altro cambiamento sostanziale apportato dalla “Buona scuola” consiste nell’uniformità della detrazione che cancella, per le sole scuole di infanzia, del primo ciclo di istruzione e delle scuole secondarie di secondo grado, il vecchio discrimine fra istituti statali e parificati (privati). Difatti, secondo il vecchio regime agevolativo, la detrazione sui contributi pagati alle scuole parificate era ammessa nei limiti in cui gli stessi contributi non superassero l’importo di quelli pagati alle scuole statali, principio che è rimasto in vigore per l’istruzione universitaria.

Per quanto riguarda invece le università, il discrimine fra atenei statali e privati viene mantenuto. Le spese, quindi, sostenute nelle università private saranno detraibili “in misura non superiore a quella stabilita annualmente per ciascuna facoltà universitaria con Decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, tenendo conto degli importi medi delle tasse e dei contributi dovuti alle università statali”.

Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato Acli presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni:

Sede Provinciale di Alessandria
Via Faà di Bruno 79
Tel. 0131/25.10.91

Sede Zonale di Casale Monferrato
Via Mameli, 65
Tel. 0142/41.87.11 - Cell. 366.54.93.82

Sede Zonale di Tortona
Via Emilia 244
Tel. 0131/81.21.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di Novi Ligure
Via P. Isola 54/56
Tel. 0143/74.66.97 - Cell. 331.57.46.362

Segretariato Sociale di Valenza
c/o Comunità Parrocchiale
Via Pellizari 1
Tel. 0131/94.34.04 – Cell. 392.70.51.519

Segretariato Sociale di Acqui Terme
Via Nizza 60/B
Tel. 349.97.54.687
24/02/2018







blog comments powered by Disqus


Da tutto il nord-ovest 150 ragazzi disabili per arrivare "Insieme al traguardo"

Valenza | Domenica 23 torna l’ormai consueto appuntamento con la manifestazione “Insieme al traguardo”, giunta ormai alla quindicesima edizione. Una giornata che sarà resa speciale dalla presenza di quasi 150 ragazzi diversamente abili e da oltre duecento volontari

Città e cattedrali a porte aperte: le iniziative in provincia

Provincia | Nel weekend del 22 e del 23 settembre l'apertura straordinaria di edifici ecclesiastici in Piemonte con “Cultura a porte aperte”

Un affare di famiglia

Cinema | "Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo". Sembra nascere e crescere sotto questo assunto, l’ultima opera cinematografica - vincitrice della Palma d'oro la scorsa primavera al Festival di Cannes - del giapponese Kore'eda, indefesso e acuto esploratore della complessità dei legami familiari già nei suoi precedenti film

Negozi chiusi la domenica, Cisl: “decidano i territori”

Economia | Nel dibattito politico sulle chiusure domenicali e festive dei negozi, si inserisce anche la voce di Cisl Alessandria-Asti. Per il segretario Marco Ciani “La strada migliore per noi è quella di riaffidare questa competenza alla contrattazione territoriale tra Comuni, aziende e sindacati”

I Comuni non danno un euro per il turismo provinciale, così Asti 'scappa' con Alba

Alessandria | Per capire la scelta astigiana bastano alcuni numeri: per Alexala i grandi Comuni danno poco più di mille euro, la Provincia non è socia, né ci sono partner privati che investono. Allora di cosa ci lamentiamo? La scelta politica sarà comunque di fare una cosa a tre (Langhe, Asti, Alessandria)