Valenza

Valenza tende la mano ai veneti: "Collaboriamo per far crescere VicenzaOro"

Soddisfatti i gioiellieri valenzani del salone appena concluso? "Nì". Presenze in linea con l'anno scorso e più interesse da Cina e Stati Uniti. Per far crescere l'appuntamento gli orafi sono pronti a "dialogare"

VALENZA - Da Vicenza le aziende orafe valenzane non tornano certo entusiaste, almeno per quello che traspare dalle parole di Francesco Barberis, presidente del Gruppo Aziende Orafe Valenzane in seno a Confindustria. “Abbiamo apprezzato gli sforzi che sta facendo VicenzaOro per crescere”, ha commentato di ritorno dalla settimana della ‘moda’ gioielliera di settembre (22-26), secondo appuntamento annuale con la fiera veneta, che dallo slogan non è seconda a nessuno: “VicenzaOro è la più grande vetrina al mondo delle eccellenze italiane e internazionali del comparto orafo e gioielliero”. Oltre sessanta aziende del Distretto Orafo Valenzano vi hanno partecipato, notando un aumento dei visitatori esteri, e in particolare la crescita di quelli provenienti dalla Cina e dagli Stati Uniti. Stabili da Emirati Arabi Uniti e dai Paesi Europei. Non c’è stato il boom di visitatori, più o meno in linea con l’edizione del settembre 2017.

Il Salone ha registrato 1500 buyer, selezionati in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico attraverso l’Ice (Agenzia per l’Internazionalizzazione delle imprese italiane) e in stretto coordinamento con Confindustria Federorafi.

Siamo moderatamente soddisfatti del numero e della qualità dei visitatori”. Non si sbilancia Barberis, che però offre collaborazione: “Si è aperto ormai un dialogo stretto tra la nostra Associazione e la direzione della fiera per concordare i prossimi passi rivolti a far diventare il Salone vicentino sempre più un appuntamento decisivo nel panorama fieristico internazionale”.

Persa la fiera a Valenza - in tutti i sensi, visto che Piemonte Expo è stata venduta a Damiani - non resta che allearsi con il concorrente storico, nel settore ancora più fiorente di tutta la provincia. L’export della gioielleria traina ancora l’economia locale, anche se la maggior parte finisce all’estero.
1/10/2018







blog comments powered by Disqus


Ticket sui farmaci: dal 1° marzo in Piemonte non si pagherà più

Piemonte | La giunta regionale ha deciso di cancellare la quota fissa di compartecipazione farmaceutica a carico dei cittadini in vigore dal 2002. Chiamparino e Saitta: "Cancelliamo una tassa sulla salute"

Nuovi contributi ai comuni per la rimozione dell’amianto

Economia | L'assessore regionale all'Ambiente Valmaggia: “a breve potremo pubblicare il bando per finanziare interventi per oltre 2 milioni di euro”

Il viaggio cinematografico del film "Un posto sicuro"

Cinema | Il regista Francesco Ghiaccio : “il film è davvero di tutti, era scritto che tutta questa storia dovesse finire così. Anzi non è ancora finita, manca il lieto fine che tutti si aspettano: la cura al mesotelioma per cancellare per sempre la paura e il dolore, lasciando l’esempio di una città che ha lottato senza rancore, con una rabbia sana, come degli eroi”

Sie Onlus, la Cena Solidale quest'anno sostiene "A casa mia"

Società | Anche quest’anno torna la consueta cena di raccolta fondi dell’associazione SIE Onlus: sabato 16 febbraio nell'oratorio maschile del duomo di Valenza. Quest’anno i fondi raccolti sosterranno "A casa mia": un progetto avviato dall'associazione per il ritiro di mobili usati presso privati da consegnare a persone indigenti sul territorio valenzano e alessandrino

Requisiti per Quota 100 e Opzione donna

Lavoro | Per ottenere la pensione anticipata con i requisiti di "Quota 100" sono necessari, sia per gli uomini che per le donne, 62 anni di età e aver maturato 38 anni di contributi, solo così è possibile raggiungere quota 100. Per quanto riguarda "Opzione donna", tutte le donne possono accedere alla pensione interamente calcolata con il sistema contributivo se in possesso dI determinati requisiti