Valenza

Valenza tende la mano ai veneti: "Collaboriamo per far crescere VicenzaOro"

Soddisfatti i gioiellieri valenzani del salone appena concluso? "Nì". Presenze in linea con l'anno scorso e più interesse da Cina e Stati Uniti. Per far crescere l'appuntamento gli orafi sono pronti a "dialogare"

VALENZA - Da Vicenza le aziende orafe valenzane non tornano certo entusiaste, almeno per quello che traspare dalle parole di Francesco Barberis, presidente del Gruppo Aziende Orafe Valenzane in seno a Confindustria. “Abbiamo apprezzato gli sforzi che sta facendo VicenzaOro per crescere”, ha commentato di ritorno dalla settimana della ‘moda’ gioielliera di settembre (22-26), secondo appuntamento annuale con la fiera veneta, che dallo slogan non è seconda a nessuno: “VicenzaOro è la più grande vetrina al mondo delle eccellenze italiane e internazionali del comparto orafo e gioielliero”. Oltre sessanta aziende del Distretto Orafo Valenzano vi hanno partecipato, notando un aumento dei visitatori esteri, e in particolare la crescita di quelli provenienti dalla Cina e dagli Stati Uniti. Stabili da Emirati Arabi Uniti e dai Paesi Europei. Non c’è stato il boom di visitatori, più o meno in linea con l’edizione del settembre 2017.

Il Salone ha registrato 1500 buyer, selezionati in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico attraverso l’Ice (Agenzia per l’Internazionalizzazione delle imprese italiane) e in stretto coordinamento con Confindustria Federorafi.

Siamo moderatamente soddisfatti del numero e della qualità dei visitatori”. Non si sbilancia Barberis, che però offre collaborazione: “Si è aperto ormai un dialogo stretto tra la nostra Associazione e la direzione della fiera per concordare i prossimi passi rivolti a far diventare il Salone vicentino sempre più un appuntamento decisivo nel panorama fieristico internazionale”.

Persa la fiera a Valenza - in tutti i sensi, visto che Piemonte Expo è stata venduta a Damiani - non resta che allearsi con il concorrente storico, nel settore ancora più fiorente di tutta la provincia. L’export della gioielleria traina ancora l’economia locale, anche se la maggior parte finisce all’estero.
1/10/2018







blog comments powered by Disqus


Mense: sciopero e presidio in piazza della Libertà. "Garantito il pasto alternativo"

Lavoro | E' arrivato il giorno dello sciopero indetto dalla UilTucs per i lavoratori del servizio di refezione scolastica con un presidio in piazza della Libertà dalle 9.30. Intanto "garanzia del pasto di emergenza" con panino, acqua, succo di frutta e merenda da parte delle due aziende Coop Solidarietà e Lavoro per Alessandria e Vivenda su Valenza

Giorgio Fico Piazza, masterclass e concerto del bassista di Battisti e De André

Novi Ligure | Domenica 21 ottobre al teatro Giacometti di Novi Ligure, ci sarà la straordinaria opportunità di incontrare Giorgio Fico Piazza (bassista di Pfm, Mina, Battisti e De André): dal mattino si potrà partecipare alla masterclass mentre alla sera si terrà un grande concerto

Amministratori comunali al voto per il rinnovo del consiglio provinciale

Politica | Sindaci e consiglieri dei 188 comuni della provincia sono chiamati alle urne per il rinnovo del consiglio provinciale. Due liste per dodici posti che dovranno rapportarsi alla giunta del presidente Baldi, che resta in carica

Attenzione alla nebbia

Meteo | Settimana di stampo autunnale, con tempo nuvoloso e nebbia a banchi

Paolo VI, oltre la “falange di Cristo Redentore”

Opinioni | Domani sarà canonizzato Paolo VI; l’occasione suggerisce un ritorno alla sua vicenda, dal punto di vista della storia della Chiesa e in considerazione della centralità di un personaggio troppo dimenticato dall’opinione pubblica anche cattolica